From One Fan To All Others

Recensione scritta da per DeBaser. ()

Voto:

Che non ci sia argomento più intrigante della musica, DeBasio lo conferma, lo vuole rendere a chiare lettere. E tra tutti gli argomenti musicali che accendono gli animi, che emozionano, che scatenano ire, odio, amore, gioia, indifferenza, oggi voglio parlare dei Genesis. E' vero che non ci sono più album ufficiali da recensire, anzi c'è una massiva ricchezza di doppioni, però, dell'ampia discografia non ufficiale dei Genesis, c'è tantissimo materiale inedito che spesso i fan hanno avuto modo di ascoltare proprio grazie a registrazioni non autorizzate.

Pare ci siano circa seicento bootleg di questa band e molti di essi contengono materiale particolarmente interessante, tra questi c'è un cofanetto triplo CD, messo sul mercato nel 1993 utilizzando materiale derivante da registrazioni della collezione privata di Philip Cohen, noto collezionista di materiali musicali di svariati autori.

Il box di "From One Fan To Another" raccoglie un primo volume, decisamente il più interessante dei tre, contenente materiale dei primissimi anni '70. E' stato il primo supporto digitale sul quale poter ascoltare i brani delle BBC Sessions denominati "Nightride" e risalenti al 22 febbraio 1970. Si tratta di tre brani composti nel periodo di transizione tra il retro pop beat di "From Genesis To Revelation" e il prog sinfonico di "Trespass". Sono composizioni molto importanti perché, oltre ad essere rimaste inedite, sono le prime senza la mano nera e cattiva di Jonathan King: niente archi melliflui e inutili, niente fronzoli e orpelli non voluti, niente arrangiamenti ruffiani e scontati, ma tanta, tanta melodia e un'arguzia di intenti che dimostra già la genialità compositiva di almeno quattro dei cinque componenti. "Shepererd", "Pacidy" e "Let Us Now Make Love", questi i titoli dei tre brani, sono accomunati da una trasognata realtà agreste, infantile, satura di ricordi, di piacevole e positiva nostalgia, di un raro e forse unico pathos spontaneo. Ricchissime le parti acustiche di dodici corde, piano e flauto e quando l'equilibrio elettroacustico viene sbilanciato a favore dell'intensa forza dell'organo di Tony Banks il trasporto è totale. Nulla è invadente e, pur trattandosi di arrangiamenti non destinati ad un disco, dai brani saltano fuori evidenti le caratteristiche di quella che sarà la più bella avventura musicale del progressive inglese e forse mondiale. Il primo volume prosegue con altri brani molto interessanti, tra i quali cito "Looking For Someone", tratta dalla stessa session del 22 febbraio e con testi e musiche parzialmente diversi rispetto a quelli definitivi di "Trespass", troviamo poi due spettacolari "Stagnation" e "The Musical Box" questa più lunga e con alcune parti diverse rispetto a quella edita su "Nursery Cryme" e altri due inediti live: "Silver Song" un brano orecchiabile composto da Anthony Phillips e "Going Out To Get You" brano stranamente rockeggiante, tirato, sanguigno e blues, forse composto da Gabriel e che in alcuni concerti dei primi anni veniva allungata anche a oltre venti minuti, qui la registrazione è nella versione breve al Piper di Roma del 1974. Per completezza di informazione segnalo che sul primo volume sono presenti anche altri ottimi brani live tratti dalla session radiofonica della BBC del 25 settembre 1972: "Twighlight Alehouse", "Watcher Of The Skies" e "Get'em Out By Friday", maggiormente fedeli alle versioni edite.

Il secondo volume si apre con una delle migliori versioni live di "Supper's Ready", quella registrata al Rainbow Theatre di Londra il 20 ottobre 1973, dallo stesso concerto è anche "More Fool Me" cantata da Collins e una delle più discusse canzoni dei Genesis del periodo d'oro. Tutto il resto del cofanetto è dedicato all'intera performance live del Civic Center di Lakeland, Florida, dell'11 gennaio 1975, quindi con l'integrale rappresentazione dell'opera "The Lamb Lies Down On Broadway" e del successivo encore, "The Musical Box".

L'importanza di questa registrazione è lampante: "The Lamb ..." è una delle più importanti opere della storia della musica, possa piacere o no, questo gli va riconosciuto e delle 102 rappresentazioni complete dei tour 1974 - 1975 non ne esiste alcuna versione ufficiale. L'ascolto completo è quindi relegato ai bootleg, questa è una delle migliori registrazioni originali, anche perché quella ufficializzata tramite i volumi "Genesis Archives" è stata pesantemente taroccata con sovraincisioni, modifiche e ripresa di molte parti, soprattutto vocali. L'ascolto è comunque ottimo e ci presenta una band in grande forma con un Phil Collins stellare e un Gabriel che, pur preso dalle sue manie teatrali, è perfettamente dentro alla parte. Ineccepibili le parti di Banks e Hackett e una grande rivalsa di Rutherford, che ci fa ben capire quanta importanza rivestisse nell'economia musicale del gruppo.

Mi sono un po' dilungato ma, d'altra parte, stiamo parlando di un triplo CD, ricchissimo di materiale e di storia ... e che storia!

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di From One Fan To All Others è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser:
www.debaser.it/recensionidb/ID_32030/Genesis_From_One_Fan_To_All_Others.htm

Copertina di Genesis From One Fan To All Others
Vota l’opera:

Generi:

DeRango™: 10.32, Commenti: 22, Visite: 1520

Voti: 8, Media: 4.50

Campioni audio: Aggiungi

Opere collegate: From One Fan to All Others

Informazioni nel web: Genesis

Artisti collegati: Genesis «Una band che sforna capolavori eccezionali come Trespass, Nursery Crime, Foxtrot e Selling England By The Pound, può anche passare a fare le canzoni dello zecchino d'oro, ma il 5 rimane d'obbligo.»

Commenti (VentiDue)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Mah, io prima dei bootleg così scrausio passerei a setacciarmi per benino la discografia (e relativi live) fino al 78 (The Lamb). Poi il resto è rescindibile....
    TheJargonKing
    Opera: | Recensione: |
    Puni, sei un po' fuori strada: 1978 è l'anno di And Then There Were Three, non di The Lamb. E, ripeto, qui son già stati passati tutti, con abbondante dovizia di doppioni e triploni. Non mi pare manchino neppure i live ufficiali che peraltro contengono sempre materiale edito, qui il materiale inedito è di fondamentale importanza per la conoscenza profonda dei Genesis, ammesso che la si voglia cercare, intendiamoci.
      Steve Miracolo
      Opera: | Recensione: |
      E comuqnue era un amante del progressive che ammette la grandezza degli Stones, non il contrario.
        TheJargonKing
        Opera: | Recensione: |
        lo so :-)) la mia era una battuta, ma questo è al contrario: ---> Un Link
          fusillo
          Opera: | Recensione: |
          Beh, a parte "Silver Song" che non conosco, il contenuto di questo triplo è già stato pubblicato ufficialmente e non. ""The Lamb ..." è una delle più importanti opere della storia della musica, possa piacere o no, questo gli va riconosciuto." ---> Boh, io non sarei così sicuro, eh, comunque, piazzo Un Link a un video contenente le uniche, almeno così si dice, immagini di un concerto della formazione di "Trespass". Ciao.
            fusillo
            Opera: | Recensione: |
            Ah, nel video, i genesis vengono subito dopo David Bowie...
              Steve Miracolo
              Opera: | Recensione: |
              Dannazione Re Giargone, ma da dove spunta fuori quella classifica? Lo ammetto, stavolta mi hai fregato, ma hai vinto solo una battaglia, la guerra Riff vs Suite è ancora aperta, e vinceranno i Riff.
                DELETERIORIVOLI
                Opera: | Recensione: |
                sei stato tu ¿
                  fosca
                  Opera: | Recensione: |
                  Amen :)
                    templare
                    Opera: | Recensione: |
                    Gradirei sapere, se per te non è un problema, il prezzo di quest'opera. Mi sembra di capire che la registrazione, nel suo complesso, è accettabile, giusto?
                      TheJargonKing
                      Opera: | Recensione: |
                      Io lo coprai nel '93 quindi il prezzo era di un altro pianeta, una roba tipo 23 euro, mi pare. Attualmente è duro da trovare, qui c'è ma a 70 euri Un Link altrimenti qualche blog lo aveva in d/l. Alla disperata contattami.
                        TheJargonKing
                        Opera: | Recensione: |
                        dimenticavo. Altra alternativa è andare qui, iscriversi e prendere il torrent: Un Link tra l'altro in FLAC.
                          TheJargonKing
                          Opera: | Recensione: |
                          scusa: Un Link
                            Rage
                            Opera: | Recensione: |
                            comunque sì
                              templare
                              Opera: | Recensione: |
                              OK! Grazie. Ciao
                                London
                                Opera: | Recensione: |
                                di the Lamb esiste la versione ufficiale dal vivo, è pubblicata nel primo archivio.
                                  TheJargonKing
                                  Opera: | Recensione: |
                                  Sì London, l'ho segnalata, ma è la veriosne completamente taroccata, ricantata da Gabriel e rifatta in alcune parti da Hackett. Quindi questa versione integrale e naturale è un'altra cosa.
                                    woodstock
                                    Opera: | Recensione: |
                                    Veramente bella, molto curata. L'opera mi sembra un mattonazzo per fan completisti.
                                      Roby86
                                      Opera: | Recensione: |
                                      Ottima recensione! Il bootleg che descrivi sembra essere bello ricco e sostanzioso... sarà proprio il caso di dargli un'ascolto al più presto!
                                        Roby86
                                        Opera: | Recensione: |
                                        [erroraccio... un ascolto, senza apostrofo!!!]
                                          aries
                                          Opera: | Recensione: |
                                          Ottimo lavoro e ottimo invito a scaricarmi la discografia loro fino all'Agnello.
                                            SUPERBOIA
                                            Opera: | Recensione: |
                                            Troppo comodo.

                                              Ocio che non sei mica loggato sul DeBasio!

                                              Se vuoi commentare:
                                              Accedi oppure Registrati